La residenza del XVI secolo che ha rapito il grande tenore


Situata in posizione centrale sulla collina di Bellosguardo, Villa Caruso Bellosguardo è immersa in un grande parco che segue lo stile della Villa.

Villa Caruso

La cinquecentesca Villa Caruso fu acquistata nel 1540 dalla nobile famiglia dei Pucci e nel 1585 il colto e raffinato abate Alessandro decise di creare per sé e per i suoi ospiti un ritiro paradisiaco.

Oggi lo spirito tardorinascimentale di Villa Pucci sopravvive solo nel giardino, la cui decorazione statuaria si protrasse per molti decenni: le sculture di animali eseguite da Romolo del Tadda, coinvolto in quegli anni anche nella realizzazione del parco di Boboli, furono arricchite infatti dagli interventi degli eredi.

Alla fine dell’800 la villa venne acquistata dalla famiglia Campi e nel 1906 passò di proprietà del famoso tenore Enrico Caruso, che si avvalse dell’opera dell’architetto Rodolfo Sabatini. Alla sua morte nel 1921, la proprietà passò all’ingegner Bianchi. Acquistata dal conte de Micheli, che s’impegnò a restituire al giardino il suo aspetto rinascimentale, la villa fu ceduta alla famiglia Gucci nel 1990 e riacquistata dal comune di Lastra a Signa nel 1995.


Enrico Caruso: una voce più bella del silenzio.
Meraviglie a Bellosguardo